Come vi ho raccontato nella scorsa puntata, appena atterrata in Colombia non vedevo l’ora di avventurarmi nella sua natura incontaminata.

Così, quando sono arrivata nella tenuta di Hacienda Betulia, sono rimasta molto colpita dalla bellezza del luogo. Si è davvero immersi nel verde, tra gli alberi di cacao e le foreste che si arrampicano tra le montagne. Ricordo ancora il sorriso orgoglioso della mia guida quando, dopo avermi mostrato alcuni alberi meravigliosi negli 80 ettari dedicati al cacao, mi ha accolto nella riserva naturale che i cugini Vélez hanno creato e deciso di custodire.

Ben 30 ettari di fitta foresta colombiana, in cui numerose specie di flora e fauna vengono salvaguardate. Loro lo chiamano il “santuario”, proprio perché nella sua natura incontaminata trovano casa rane, uccelli variopinti, insetti instancabili, serpenti e piccoli mammiferi. Dopo la grande deforestazione che ha colpito il loro paese nel secolo scorso, questa riserva protetta, non intaccata dalla mano dell’uomo, è il contributo che Juan Pablo e Christian hanno deciso di dare al recupero delle foreste e al contrasto dell’impoverimento del suolo, danneggiato da anni di sfruttamento intensivo.

Nella prossima puntata lasceremo la foresta per scoprire insieme le loro piantagioni di cacao.